Il Calendario dello Svezzamento

Crema catalana all'uva fragola

Ci sono cose che a distanza di cinque anni cinque ormai conoscete a memoria. Odio il lunedì, il mio motto è quello del Bianconiglio (uhm, sono in ritardo e bla, bla, bla), mi piace organizzare feste di compleanno e aperitivi improvvisati, amo stare negli aereoporti con un trolley in una mano e il tabellone delle partenze davanti agli occhi, adoro cinque o sei ingredienti che ritornano nella mia cucina (e stranamente piacciono anche alle pupe, sul piccolo Lui devo ancora indagare per bene).  Fra questi ingredienti di sicuro, in questa stagione, c'è l'uva fragola. Perché è un frutto che mi ricorda un profumo. E ti permette di tornare bambino dopo il terzo, massimo quarto acino passato fra i denti.

Pane e "ammore"

Ho un nuovo amore. Ha gli occhi fra l'azzuro e il grigio e lo sguardo di qualcuno che già amo. Per lui contano poche cose, questo mi piace, è uno che sa fare delle scelte. Io vengo prima di tutto per la maggior parte della giornata. Vorrebbe correre, per ora striscia come un piccolo marine e deambula se gli si offre sostegno. Gli ho dedicato un libro, di ricette, per ora non ne ha ancora assaggiata una, ma l'haiku che c'è in calce, beh quello è una promessa.
Ama viaggiare ma si accontenta: un giro nel quartiere, una puntata al parco, una biciclettata al super. La sua risata ha il potere di farmi sorridere pure se è lunedì e il lavoro non gira come dovrebbe. E poco importa che la sua bocca abbia a malapena due denti. Il suo profumo? Lo adoro. La mia cucina? Gli piace. Tantissimo. Prendiamo questi nodini di pane. Alle mele.

Facciamo merenda!

 

La copertina è qui a fianco ormai da qualche giorno. Il mio terzo libro. Si ispira a un grido, quello dell'infanzia: il mio, il tuo, il vostro e quello della nonna. Facciamo Merenda!
Un terzo libro, impensabile solo tre anni fa (un po' come i miei tre figli:-)). Esce oggi e presto sarà nelle mani, cucine di qualcun altro (speriamo molti!).
E' un libro totalmente diverso dai precedenti, nato dalla proposta del mio editore, Carlo Gallucci. Immaginate qualcosa del tipo: "Perché non scrivi di merende? Quelle di una volta, quelle sane e gustose che fanno tornare bambini". E la sottoscritta a stupirsi di non averci pensato prima.

Ogni libro, proprio come ogni figlio, ha una storia completamente diversa.

Inutile fare confronti.

Mi trovi anche qui…

Archivio

November 2014
LunMarMerGioVenSabDom
272829303112
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930